• Luglio 10, 2020, 05:36:23 am

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Autore Topic: Qualcosa sta cambiando...  (Letto 2186 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Shane

  • Full Member
  • Hero Member
  • ******
  • Post: 659
  • Divina Rumiko Takahashi-Sama Fan!
    • Mostra profilo
Qualcosa sta cambiando...
« il: Maggio 24, 2011, 08:50:48 am »
Leggete questa notizia *O* che è 'sto miracolo?!  

Offline Everett

  • Full Member
  • Sr. Member
  • ******
  • Post: 350
  • E' un mondo difficile.
    • Mostra profilo
Re: Qualcosa sta cambiando...
« Risposta #1 il: Maggio 24, 2011, 14:46:44 pm »
:D che figata! Ma lo stato di famiglia alla fine l'hanno avuto!?
Oh, maybe you misunderstood. A world without Haruka isn't worth saving.

Just wish you'd try to think for yourself instead. (Ola Salo) Traduzione: pinz p tic.

C n'ama scì sciamaninn, c nan ama scì nan sim scenn.

C'è chi pensa che lo scienziato debba semplicemente osservare ciò che ha davanti, mentre in realtà deve spesso basarsi su un'occhiata sfuggevole, su un particolare colto rapidamente, per provare a decifrare l'ignoto. In questo sforzo occorre anche essere artisti, creativi, poeti.
(Dana Branzei, ricercatrice.)


Offline jaycee

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
    • Mostra profilo
Re: Qualcosa sta cambiando...
« Risposta #2 il: Maggio 24, 2011, 16:19:08 pm »
fuck yeah! :D  comunque giust, lo stato di famiglia?
sono riuscito a leggere molti manga yuri in streaming da qui http://www.mangafox.com/


Offline Shane

  • Full Member
  • Hero Member
  • ******
  • Post: 659
  • Divina Rumiko Takahashi-Sama Fan!
    • Mostra profilo
Re: Qualcosa sta cambiando...
« Risposta #3 il: Maggio 24, 2011, 20:29:53 pm »
Non saprei, però purtroppo non credo :( Sarebbe sperare troppo di questi tempi :(

Offline jaycee

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
    • Mostra profilo
Re: Qualcosa sta cambiando...
« Risposta #4 il: Maggio 25, 2011, 18:15:05 pm »
Non saprei, però purtroppo non credo :( Sarebbe sperare troppo di questi tempi :(
 

Onestamente anche il matrimonio, a mio parere, era chiedere troppo, fino a quando non hai postato il link XD mai desistere e credere nei miracoli :P
sono riuscito a leggere molti manga yuri in streaming da qui http://www.mangafox.com/


Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Re: Qualcosa sta cambiando...
« Risposta #5 il: Maggio 25, 2011, 19:41:25 pm »
Non per smorzare gli entusiasmi, ma purtroppo il matrimonio delle due ragazze non ha alcun valore legale in Italia :(

La Chiesa presbiteriana è sempre stata un bel po' rivoluzionaria e non è nuova a questo tipo di situazioni che con il Cattolicesimo non hanno nulla, o quasi, a che vedere. Basti pensare che la Sacerdotessa in questione è appunto una donna, cosa che nel Cattolicesimo non esiste.

Purtroppo, da un punto di vista estremamente di facciata, il nostro è uno Stato Laico (ma dove? ma quando?) e questa unione non è riconosciuta, non è legale. In teoria, domani anche io e la mia compagna possiamo indire una bella festa e farci sposare da... che ne so... un capitano di una nave, durante una crociera? In linea teorica,(e priva del dovuto approfondimento) credo si possa... tornate in Italia, il nostro matrimonio non sarebbe ugualmente riconosciuto.

Sull'inseminazione artificiale, a me viene in mente il nome di una famosissima cantante che è volata in Inghilterra ed è tornata in dolce attesa (<_< chi sarà mai?). Nulla lo vieta. Rimane il fatto che la compagna della mamma naturale non potrà adottare il bimbo e le implicazioni di questa realtà sono... pesanti. Che accadrebbe al bimbo se succedesse qualcosa alla mamma naturale? L'altra non sarebbe mamma adottiva, dovrebbe quindi sperare in un affidamento. Cosa non poi così scontata.

Questo senza dimenticare l'ostracismo a cui andranno incontro le due... con le famiglie contro, già me le vedo a combattere la loro personale guerra. Diciamocelo chiaramente, non si può vivere così. Non si può vivere così.



Va beh, la stanchezza e il caldo mi stanno ammazzando e il mio consueto ottimismo ne risente un po'...





Lo sapete come e quando è finita l'apartheid?
Quando la gente ha cominciato a riversarsi sulle strade, senza vergogna. Quando i bianchi non hanno potuto più arginare la rivolta. Quando con gli scioperi e la protesta (non per forza violenta) l'economia del paese si è paralizzata. Quando le sanzioni internazionali dell'Onu hanno messo in ginocchio - o quasi - il Sudrafrica.

Ora... noi abbiamo nelle mani i primi *fardelli*. E' un nostro dovere, prima che diritto, scendere in strada senza vergogna e far crescere l'indignazione in un paese sciatto e privo di iniziativa. Non siamo fantasmi. Non siamo illusioni. Siamo figli, fratelli, sorelle, mamme, papà, cugini e nipoti di tanta altra gente (e poi anche impiegati, datori di lavoro, politici, giornalisti, casalinghe, cassiere, dottori, infermieri... ma la nostra voce chi la sente?)... se non usciamo allo scoperto, questa gente, la stragrande maggioranza della gente, non combatterà mai per la causa omosessuale: ma toccate un figlio a sua madre, e poi vedremo se quella donna non sarà in prima fila a gridare per i nostri diritti... Minacciate di chiudere la vostra fabbrica e di mandare a casa decine di impiegati perché, pur pagando le tasse, questo stato di m...a non vi permette di sposare la vostra compagna, e poi vediamo se quegli impiegati, e i figli e le mogli di quegli impiegati, non saranno lì in prima fila a gridare per i nostri diritti.

E l'altro "fardello"... Beh, quello ce l'ha in mano l'UE. E vogliano i miei Dèi che le stangate economiche inizino davvero a piovere giù su questo paese da terzo mondo, in quanto a civiltà, poi sì che forse qualcosa cambierà...



Perché se ci stiamo davvero illudendo che a qualcuno interessi qualcosa di noi... beh... non è così. A chi ha un filo di potere per le mani interessa solo una cosa: money, money, money.
     
« Ultima modifica: Maggio 25, 2011, 19:54:46 pm da Haruka »
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline Haruka Armitage

  • Newbie
  • *
  • Post: 47
    • Mostra profilo
Re: Qualcosa sta cambiando...
« Risposta #6 il: Maggio 25, 2011, 20:59:50 pm »
Scusate l'intromissione, quest'anno qui in Argentina hanno fatto la legge per i matrimoni gay. Legali, con stato di famiglia ecc... Io stessa questo dicembre sarò la testimone di un paio di amiche. So che non è Italia, ma qualcosa è
Pensaron que, si no fuera por todos, nadie seria nada? Quino
(Avete mai pensato che se non fosse per tutti, nessuno sarebbe nulla?)

Il mio amore è un fiore in una isola solitaria, fiorisce e muore senza che nessuno lo noti (Sasameki Koto)

Offline Alyssa

  • Full Member
  • Member
  • ******
  • Post: 161
    • Mostra profilo
Re: Qualcosa sta cambiando...
« Risposta #7 il: Maggio 26, 2011, 18:02:42 pm »

Qualche tempo fa un giornalista di cui non ricordo il nome stigmatizzò il pensiero imperante dell'italianoe lo definì come la filosofia del“io tengo famiglia”, proprio per indicare quella peculiarità tutta italiana di dedicarsi ai propri affari senza mostrare il minimo interesse e attaccamento perciò che ci sta  intorno....

Cosa mi importa, se i politici fanno i porci comodi loro, se per finire un autostrada ci mettono 25 anni, se costruiscono infrastrutture che poi lasciano a marcire solo per riciclare soldi, se quando vado a fare i colloqui mi vedo passareavanti il figlio di, il nipote di.... se...se.... se...... potrei continuare la lista dei se all'infinito.... abbiamo tanti di quei problemi che se li vai a raccontare al di fuori dei confini nazionali pensano tu stia raccontando una barzelletta.... e nessuno che si arrabbi come si deve.... che ci pensi qualcun altro a fare la rivoluzione.... io tengo famiglia...ho gli affari miei insomma....

E se problemi che più o meno influenzano la popolazione nel suo complesso non sono riusciti ancora a provocare una reazione indignata e un fronte d'azione comune, come si può pensare che la gente si batta per il riconoscimento dei diritti che stanno a cuore e riguardano apparentemente solo una partedei cittadini????


Haruka ha citato l'apartheid, ma i punti di comunanza non sono poi molti se ci si pensa.... inglesi eafrikaner erano al massimo il trenta per cento della popolazionetotale sub africana, e i tentativi di sottomissione si sono scontrati con la disperazione del restante 70 per cento, compatto e agguerrito.... solo per citare una differenza.

Fu un ingiustizia che all'epoca mobilitò le coscienze e i paesi membri dell' onu , che boicottarono aspramente il sud africa con gravi ripercussioni economiche... L'ONU poté intervenire a causa delle palesi e ripetute violazioni dei diritti umani, ma non può sanzionare un paese perché ha una mentalità arretrata e non vuole concedere riforme legislative per tutelare la componente omosessuale della società.


Insomma come disse il saggio, la risposta è dentro di noi, cioè solo noi possiamo aiutare noi stessi, e finché la mentalità dell'italiano medio non cambierà sul modo di porsi rispetto alla collettività niente cambierà. Finchéla parola collettività non diverrà sinonimo di risorsa e non diimpedimento ci sarà sempre qualche (solo qualche???') politico inetto che la farà da padrone....  mentre il singolo pensa a pararsi le chiappe e a dare acqua al suo orticello....


Sento molti dare la colpa a questo o quel politico, al vaticano, agli americani, agli alieni....ma se è vero che ogni società è una piramide, tutti noi siamo la base, e siamo sicuri che anche questa base non sia marcia??? provatea confrontarvi con parenti e vicini di casa sulle problematiche più disparate... troverete un ignoranza immensa e tanto menefreghismo

Inutile provare  a fare la maratona quando non si è nemmeno imparato a camminare, inutile auspicare ad una rivoluzione quando non si sa bene nemmeno ciò che c'è da fare


A piccoli passi, con un po di coscienza e buon senso si può far ripartire questo paese....

Anche perché le alternative non sono poi molte... o si abbraccia la la condotta del menefreghismo o si espatria....

P.s: la mia non era un arringa moralizzatrice ma una personalissima analisi

Sono stufa di esserer Watson, voglio diventare Holmes!!!!

Anch'io voglio qualcuno che mi regali un palloncino!!!!!

Offline Haruka Armitage

  • Newbie
  • *
  • Post: 47
    • Mostra profilo
Re: Qualcosa sta cambiando...
« Risposta #8 il: Giugno 05, 2011, 05:58:03 am »
Espatriare non sempre è una scelta, ma comuque in questo mondo globale anche se espatri per scelta o per necessità, i guai del tuo paese ti seguono. Non so se riuscite ad immaginare che i tuoi colleghi di lavoro ti prendano in giro per le cose che fa il tuo Presidente del Consiglio (anche se non lo hai votato) o che ti chiedano "ma sono così tutti in Italia?" con la stessa faccia tosta con cui in Italia ti chiedono "Ma esistono le arance in Argentina?".

Sì è vero la piramide siamo noi e le uniche carte che abbiamo in mano sono il voto, la pacifica protesta e il dialogo. Cerchiamo di non dimenticarlo e di non farlo dimenticare a nessuno.  Perchè chi si ferma è perduto ed è a voi ragazze giovani attive nei forum e nella vita che noi vecchiette del Cassero e dell'Arci Gay di Bologna abbiamo passato la fiaccola della speranza..... forza su, non scoraggiatevi nonostante tutto.
 
Pensaron que, si no fuera por todos, nadie seria nada? Quino
(Avete mai pensato che se non fosse per tutti, nessuno sarebbe nulla?)

Il mio amore è un fiore in una isola solitaria, fiorisce e muore senza che nessuno lo noti (Sasameki Koto)