• Settembre 27, 2020, 19:13:05 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Autore Topic: Love My Life (and other things)  (Letto 2435 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Love My Life (and other things)
« il: Luglio 27, 2007, 00:19:26 am »

Dal blog: Love My Life (and other things)  

Come al solito, ennesimo titolo che vuol essere un gioco di parole per l'ennesimo rambling in blog. Come avevo accennato qualche giorno fa, in forum, sono finalmente riuscita a vedere il film di "Love My Life", in contemporanea con altri due titoli particolarmente interessanti - "Les filles du Botaniste" e "Spider Lilies" - e mi è venuta voglia di parlarne in forum. Ad esclusione del primo titolo, tuttavia, gli altri hanno poco a che fare con il mondo vero e proprio dello yuri, se non che tutti e tre trattano di omosessualità al femminile.

In tutta sincerità, mi risulta praticamente impossibile fare una graduatoria di preferenza, e per dirla tutta non è neanche mia intenzione farlo, ed è proprio questo il motivo per cui ho preferito limitarmi a questi tre film (che, sottolineo, sono tutti di matrice orientale), piuttosto che aggiungere "Saving Face", che sarebbe risultato di gran lunga vincitore in ogni sorta di confronto, e di cui forse parlerò più approfonditamente in un altro intervento.

Venendo agli altri tre titoli, personalmente ne consiglio la visione a tutti quanti. Si tratta di tre opere totalmente diverse fra di loro, eppure ognuno di questi tre film mi ha lasciato dentro qualcosa.

Riguardo "Love My Life", per chi conosce già il manga della Yamaji, il titolo non sarà una sorpresa: certo, qualcosina è stata cambiata, ma si tratta di interventi minori che non alterano il contenuto della storia, che rimane invece fresca e divertente, quel genere di racconto che quando hai finito di seguirlo ti fa sospirare nel vuoto come una scema. Le attrici, poi, sono assolutamente deliziose ed il tema dell'omosessualità viene affrontato in maniera leggera, serena. Il limite, probabilmente, è lo stesso del manga della Yamaji: essendo uno spunto, un pretesto per parlare dell'universo omosessuale in Giappone, la storia delle due protagoniste risulta molto semplice, lineare, e di sicuro non d'impatto. Non vi farà versare i lacrimoni, non vi stringerà il petto attraverso grossi drammi esistenziali, in fondo non è questo il suo scopo. Ma vi farà sorridere, ed innamorare dell'amore e della vita, perché, in fondo, è proprio dell'Amore e della Vita che "Love My Life" parla.

Love My Life

Di per contro, tanto "Spider Lilies", quanto "Les Filles du Botaniste" scivolano abbondantemente sul tema del dramma, sebbene entrambi lo facciano a modo loro, in maniera totalmente diversa l'uno dall'altro. Spider Lilies, probabilmente, a livello di tematiche è, dei tre, il più contorto e meno lineare e sebbene le protagoniste siano evidentemente due ragazze, entrambe omosessuali, l'omosessualità non è l'unico tema centrale del film - tant'è che sono totalmente assenti i drammoni sull'accettazione: Takeko è gay, e la cosa viene presentata così com'è, senza necessità di giustificazioni, o spiegazioni. Insomma, l'omosessualità in Spider Lilies non è un argomento, ma un dato di fatto e va quasi di pari passo, e anzi spesso risulta persino secondaria - imho - con il tema del rapporto esistente fra le persone ed i tatuaggi, qui visti in un'eccezione quasi sacrale, mistica.
La storia di per sé è molto scarna, e racconta del ritrovamento di due ragazze dopo anni di lontananza, ma si snoda in maniera contorta, rivelando spesso aspetti ambigui più vicini agli horror orientali, che non alle commedie leggere ("D.E.B.S.", il già citato "Saving Face", o ancora "Imagine Me and You" tanto per fare qualche titolo) cui negli ultimi anni ci siamo abituati. Una cosa però, è sicura: se quel che state cercando è un film carico di tensione, con due attrici comunque sempre all'altezza (in particolare una Isabella Leong da perdere la testa, nei panni di Takeko), con una buona dose di sentimento, a rendere più incasinate le vite già complesse delle due protagoniste (una tatuatrice con un fratello ritardato a carico, ed una ragazzina che per vivere concede "prestazioni" particolari in webcam), allora Spider Lilies è il titolo che fa per voi.

Spider Lilies

Per concludere, se invece state proprio cercando il drammone che vi faccia piangere ogni vostra lacrima (e avete già visto Madlax e Haibane Renmei) è tempo di buttarvi su "Les Filles du Botaniste". Si tratta di una produzione cino-francese che vi colpirà subito per la sua fotografia, probabilmente una delle più belle nelle quali mi sia imbattuta da tanto tempo a questa parte. Durante la prima metà del film, anzi, vi verrà quasi voglia di andarci davvero in Cina, solo per vedere quelle foreste incontaminate, e i templi, e i fiumi sconfinati, e quel cielo... ma devo avvertirvi che sul finire del film finirete con il provare l'esatto opposto, e ringraziare con forza di essere nate in Italia - nell'Italia delle contraddizioni, che non ha leggi, che non ha regolamentazioni, e che eppure ci permette ancora di vivere ciò che siamo.
Eppure, dei tre film citati, probabilmente è proprio "Les Filles du Botaniste" che ringrazio il cielo di aver visto: dimenticare le origini, dimenticare com'erano le cose fino a qualche anno fa - o come sono ancora in altre parti del mondo - è sbagliato, e titoli come questo, in fondo recente, ci permettono di capire quanta strada è stata fatta rispetto al passato, e quanta ancora ce ne sia da fare.

Les Filles du Botaniste

In definitiva, io consiglio a tutti la visione di tutti e tre i film, senza escluderne nessuno a priori: ciascuno di loro lascia dentro qualcosa che lo rende unico ed irrimediabilmente prezioso,


Haruka

"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline stich77

  • Nostra Signora degli Arrosticini
  • Sr. Member
  • *
  • Post: 412
    • Mostra profilo
Re: Love My Life (and other things)
« Risposta #1 il: Luglio 29, 2007, 00:49:00 am »
Conoscevo l'esistenza del film tratto dal capolavoro di Ebine Yamaji avendone letto sul blog di Erica Friedman che aveva detto essere una buona opera, solo un po' lenta (almeno rapportata ai canoni della filmografia Occidentale) però in assoluta sintonia con la cultura nipponica.
Ho provato fin da allora a cercarlo ma non sono riuscita a trovarlo da nessuna parte. Tu sai darmi qualche dritta in merito? Sinceramente bramo dalla voglia di darci uno sguardo. Di produzione giapponese non animata ho visto solo la serie tratta da Kimi wa pet (in Italia, credo tu lo conosca, Sei il mio cucciolo: splendido!) e mi ha dato fiducia nelle capacità di trasporre una serie cartacea sullo schermo.
Gli altri titoli non li conosco, ma cercherò di mettermi in pari.
Grazie in anticipo!

Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Re: Love My Life (and other things)
« Risposta #2 il: Luglio 31, 2007, 21:59:08 pm »
Questo post me l'ero perso. Allora, in giro per la rete si trovano tanto il raw, quanto i sub. Il film vale davvero la pena di vederlo :)
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline stich77

  • Nostra Signora degli Arrosticini
  • Sr. Member
  • *
  • Post: 412
    • Mostra profilo
Re: Love My Life (and other things)
« Risposta #3 il: Agosto 05, 2007, 14:35:12 pm »
Essendo riuscita finalmente a vedere Love My Life non posso che concordare con il giudizio di Haruka. Film non certo di grande impatto ma che nella sua semplicità piacevole e gradevole. La regia non è certo delle migliori: in alcuni punti più che una macchina da presa sembra si stia usando una webcam, ma anche questo non compromette il risultato in sè positivo.
Le due protagoniste mi paiono perfette (mi piace soprattutto la freschezza che emana Ichiko contrapposta ad una maggior gravità di Eri), ma secondo me i comprimari sono i personaggi migliori: Take-chan e il padre di Ichiko sono splendidi e contribuiscono a dare quel po' di ritmo che la trasposizione cinematografica di un manga del genere richiede.
In realtà quello che mi spero è che questo film sia il primo passo verso un'apertura maggiore verso questo tipi di temi (anche se non così necessariamente a senso unico: a volte la troppa specificità credo finisca per costituire un modo per marginalizzare e ridurre ad un prodotto di nicchia riservato ai soli appassionati) nelle diverse forme d'arte.
Non credo di aver spoilerato, se così fosse mi flagello con un rosario io per prima per poi mettermi alla mercè dell'administrator.
In ogni caso grazie ad Haruka, perchè ancora una volta il suo blog mi ha incitato a vedere qualcosa di nuovo e meritevole.

Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Re: Love My Life (and other things)
« Risposta #4 il: Agosto 05, 2007, 18:12:03 pm »
^___^ me contenta!
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline AnimeJap81

  • Colei che ha visto la luce. Anzi 3.
  • Hero Member
  • *
  • Post: 1524
  • "Shiznat & Marina Ranieri & PEPSI Obsessed O_o"
    • Mostra profilo
Re: Love My Life (and other things)
« Risposta #5 il: Agosto 05, 2007, 23:14:56 pm »
Ho letto in giro di un film (non orientale) ma inglese se non sbaglio, il cui titolo è "Imagine me & you"... qualcuno ne sa qualcosa?
Una luce in questa vita difficile, questo forum... Grazie!

Un'altra luce si è accesa: Bentornato Sheva!

Terza luce: MARINA/ALESSIA!!!!!!

miyuki

  • Visitatore
Re: Love My Life (and other things)
« Risposta #6 il: Agosto 06, 2007, 08:16:47 am »
Che è bello e che vale davvero la pena vederlo!

Offline Windter

  • ShizNat High Priestess
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1184
  • Hungry Like The Wolf
    • Mostra profilo
Re: Love My Life (and other things)
« Risposta #7 il: Agosto 06, 2007, 17:00:24 pm »
Imagine Me And You è la tipica commedia romantica, nella quale come sempre c'è di mezzo Piper Perabo (quella del Coyote Ugly!).

In pratica, la donzella è in chiesa, si sta sposando, quando incrocia per un attimo lo sguardo della fiorista e... il resto lascio a te scoprirlo :P E' davvero carino, è uscito intorno all'estate scorsa in Italia, quindi si trova anche nelle videoteche, con un po' di fortuna. Facilissimo da reperire. A mio parere non un capolavoro, non un caposaldo dello yuri come Saving Face (anch'esso uscito in Italia ma con molta meno risonanza, ed è reperibile in DVD - titolo italiano: Salvare La Faccia), ma comunque un film con cui passare una buona ora e mezza.

Fra il vederlo e il non vederlo, io voto per il vederlo, insomma :P

W I N D T E R - Il vento d'inverno



Offline AnimeJap81

  • Colei che ha visto la luce. Anzi 3.
  • Hero Member
  • *
  • Post: 1524
  • "Shiznat & Marina Ranieri & PEPSI Obsessed O_o"
    • Mostra profilo
Re: Love My Life (and other things)
« Risposta #8 il: Agosto 06, 2007, 22:35:27 pm »
BENE BENE GRAZIE GRAZIE
Una luce in questa vita difficile, questo forum... Grazie!

Un'altra luce si è accesa: Bentornato Sheva!

Terza luce: MARINA/ALESSIA!!!!!!