• Settembre 27, 2020, 19:30:35 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Autore Topic: Angelic Pain Layer  (Letto 1456 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Angelic Pain Layer
« il: Maggio 01, 2007, 01:34:57 am »

Dal blog: Angelic Pain Layer

Angelic Pain Layer

Angel/Dust

Solito titolo su cui avevo messo gli occhi sopra, a causa di una flebile pista a proposito di una relazione yuri, presente fra le sue pagine, Angelic Layer si è rivelato davvero un manga difficile da digerire. Prodotto dalle Clamp, racconta le vicende di Misaki Suzuhara, una ragazzina che - appena arrivata a Tokyo, dove dovrà vivere insieme alla zia - si imbatte in un combattimento virtuale trasmesso su un mega schermo della capitale giapponese. E' così che Misaki viene per la prima volta a contatto con il mondo degli Angels, delle bambole molto particolari che fanno parte di una sorta di gioco molto alla moda, dal titolo appunto di Angelic Layer.

Tali bamboline, gli Angels appunto, sono direttamente collegate attraverso dei cavi ai loro creatori, chiamati Deus, e si scontrano in un vero e proprio "ring", in una serie di duelli che ha lo scopo di incoronare il campione nazionale di turno.

La storia di per sé sarebbe anche interessante e introduce alcuni spunti che saranno poi ripresi in Chobits - primo fra tutti il concetto di creature senzienti, meccaniche, create dall'uomo e che possiedono una loro identità e volontà - ma manca assolutamente dei punti vincenti dello stesso Chobits. Personalmente, ad esempio, ho trovato difficile "affezionarmi" a Misaki-chi, mentre invece Chi l'ho amata subito, a pelle direi :P

Venendo al punto di vista yuri, direi che c'è veramente molto, ma molto poco e sinceramente mi aspettavo qualcosina di più. Fondamentalmente, ci sono due cose da segnalare: da un lato, Tamayo, compagna di classe di Misaki, insiste spesso nel punzecchiarla, sostenendo ad esempio che Kotaro dovrà passare su di lei prima di poter mettere le "mani su Misaki-chi", ma in realtà il tutto non va mai oltre lo scherzo, anzi verosimilmente Tamayo prova dei sentimenti più forti della semplice amicizia proprio nei confronti di Kotaro, anche lui coetaneo delle due ragazze.

Oltre a Tamayo, una menzione meritano Sai Jounouchi e Kaede Saito. Premesso che l'aspetto esteriore di Sai la dice mooolto lunga, e che esistono delle tavole originali che puntano molto sul fattore coppia, le due ragazze sono sempre presentate come amiche, quindi a tutti gli effetti si tratta di un pallido filo di fumo, che non va mai oltre la mera apparenza. Peccato perché Sai e Kaede sarebbero una coppia interessante, da vedere in atto.

Insomma, forse mi sono avvicinata ad Angelic Layer nel modo peggiore, cercandovi dentro qualcosa di più di quel che poi in fondo, in fondo c'è, fatto sta che l'ho trovato decisamente sottotono, per gli standard delle Clamp, fin troppo bambinesco, e a tratti anche incoerente: i personaggi non hanno approfondimento psicologico - basti pensare alla protagonista che, seppur abbandonata dalla madre in tenera età, continua ad amarla e a "credere" in lei - i duelli fra gli Angel sono spesso liquidati in maniera molto veloce, e anche la storia fa un po' acqua da tutte le parti, con la protagonista che un mese prima non sa che siano gli Angels, il mese dopo è campionessa nazionale. Morale... tempo perso...

Haru che...
sgrunt!

« Ultima modifica: Maggio 01, 2007, 01:38:47 am da Haruka »
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline Rain

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 65
    • Mostra profilo
Re: Angelic Pain Layer
« Risposta #1 il: Maggio 09, 2007, 00:49:40 am »
Angelic Layer è decisamente uno dei peggiori manga delle Clamp, e per quanto riguarda lo shoujoai è decisamente nullo, considerando anche che i personaggi shoujoai delle Clamp di solito sono abbastanza 'dichiarati'
"So I walk up on high
And I step to the edge
To see my world below.
And I laugh at myself
While the tears roll down.
'Cause it's the world I know.
It's the world I know."