• Settembre 23, 2020, 10:01:31 am

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Autore Topic: Kannazuki no Miko  (Letto 18171 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Umpta

  • Full Member
  • Sr. Member
  • ******
  • Post: 348
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #15 il: Marzo 14, 2007, 09:21:32 am »
Noto che l'insonnia dilaga. 8)

Ebbene, si avevo messo in conto l'idea che con solo 12 ep disponibili qualcosa venisse sacrificato. Ma, ma ma, ma io.. >__< dipppiù ecco. Lo rivedrò @__@, anche perchè ora dovrò torturare la mia ragazza facendoglielo visionare per poi farmi dare forzatamente ragione. Ci vorranno molte visioni, rewind etc, per farla capitolare.

Il cambiamento di Chikane: Dopo essersi fatta calpestare con ogni traiettoria possibile dalla biondastra inconsapevole, le capita pure l'incontro con Sister. Resta confusa ma alla fine riconosce l'illusione. Non ho capito granchè il passaggio "I don't want to be blessed" seguito da un "I am.." che si perde nel nulla ("I am" nel senso di "I am (already) blessed" oppure "I am..<qualcosa che non aggiunge>"?). Vede Himeko e Souma che si baciano e le affiorano delle visioni in cui lei impugna una lama insanguinata e l'altra sacerdotessa è morente. Il suo glifo s'illumina (Si era già illuminato prima? Non ricordo).
A questo punto mi è venuto da pensare che le visioni l'abbiano convinta del fatto che non solo lei non è in grado di proteggere Himeko come desidera, ma anche che lei sarà la causa di ulteriori sofferenze per la persona che ama e quindi cerca di allontanarla. Oppure che sia in qualche modo posseduta e non agisca di sua iniziativa (ma non mi pare molto plausibile visto che poi uccide tutti coloro che avrebbero potuto manovrarla, ma il suo atteggiamento non cambia).
Solo quando è lei stessa a spiegarlo arrivo a capire che, odiando Ame no Qualcosa, la sua presenza rendeva impossibile la sua evocazione e per liberarsi dal senso di colpa passa la nemico per essere uccisa.

C'è da dire che a me è parso che Chikane avesse le idee chiare sui suoi sentimenti sin dall'inizio, ma ora mi sta venendo il dubbio O_o aiuto.

Seriously, lesbians can smell exes and drama like sharks scent blood in the water. (.cit thrace_ )

Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #16 il: Marzo 14, 2007, 14:48:05 pm »
Kannazuki no Miko è così, o lo si odia o lo si ama alla follia :P
Diciamo che io non amo particolarmente KnM, ma sono persa dei suoi personaggi, Chikane su tutti... ma anche Himeko.

Che poi diciamocelo, a me le donne "inutili" piacciono proprio quando accostate ad un pg forte, Shimako compresa... che scintilla e arreda quanto vi pare, però intanto è la petite-soeur di Satou Sei... da stasera inizio a scintillare anche io, se mi date una Sei come onee-sama <_< (inciso "donne inutili" aperto e chiuso!)

Attenzione da qui in avanti spoiler!

Venendo a Kannazuki, secondo me l'errore che si commette è quello di considerare Chikane e Himeko come due persone normali... lo sono, ma sono anche e soprattutto le due Miko del Sole e della Luna. Forse in Himeko questo si vede meno, ma in Chikane è assolutamente evidente che la sua natura non può in alcun modo essere scissa dalla sua missione in terra.
Ovviamente, fra le due Chikane è anche il personaggio più complesso... da qualche parte, in inglese, ho letto interi trattati su di lei e sulla sua psicologia e non è facile capire perché si comporta in certi modi piuttosto che altri. Prima di tutto, c'è da considerare che lei non è solo innamorata di Himeko, ma soprattutto ama Himeko e queste sono due cose comunque diverse. Per amore si è pronti anche a sopportare di tutto, tant'è che Chikane subisce la situazione con Souma senza mai ostacolare la ragazza che ama e tutto questo per il suo bene. C'è qui una componente di altruismo che è tipica dell'Amore, quello con la A maiuscola.

Venendo alla storia, ben presto le due si ritrovano sullo stesso fronte comune per volere quasi del fato, ed iniziano le evocazioni di Ame no Murakumo che però non compare. Il motivo, come già accennato, è semplice: come può Chikane far sì che risucceda quanto accadde nella precedente battaglia contro Yamata no Orochi? Da notare, però, che questo suo comportamento non è consapevole, ma istintivo... il dolore che ha provato nell'uccidere la sacerdotessa della Luna è talmente forte che si è radicato in lei e ora impedisce l'evocazione del Dio. In questa fase, Himeko vive allegramente nell'aria, fra fiorellini e farfalline :P Vuole evidentemente bene a Chikane e anche nella vita è evidentemente dipendente da lei, eppure non riesce a far luce sui suoi sentimenti.
E qui si entra nell'area della speculazione. Secondo me, se in Chikane è radicato l'amore che prova per Himeko, ma nascosto il ricordo dell'uccisione che le impedisce di evocare Ame no Murakumo, anche in Himeko può esistere qualcosa del genere. Quindi sempre secondo me, anche Himeko è incosciamente innamorata di Chikane, ma appunto non ne è consapevole, sebbene sia evidente il modo in cui dipende da lei, in modo in cui nonostante tutto le è legata... per esempio, quando le compra il regalo nel centro commerciale... voglio dire, sta uscendo con il ragazzo di cui presumibilmene è innamorata, ma nonostante ciò, ruota ancora intorno a Chikane al punto da pensare a lei e comprarle un regalo... situazione bizzarra. E secondo me, in questa fase anche Souma inizia a capire come stanno le cose, tant'è che poi di fronte alla rivelazione finale prova sì dolore, ma è un dolore attenuato dalla consapevolezza che quelle due appartengono l'una all'altra.

Venendo al modo di agire di Chikane... è difficile razionalizzare. Parto dal presupposto che lei sia uno dei personaggi più approfonditi fra tutti quelli in cui in questi tempi mi sono imbattuta - e premetto che sono tanti. Chikane è viva. Quando dico così, voglio dire che lei ha proprio i modi di fare e di pensare e di agire di una persona vera... e non è buona, perché pensare a Chikane come un personaggio buono sarebbe molto riduttivo. Inoltre, man a mano che la consapevolezza si fa strada in lei, secondo me lei razionalizza anche un'altra cosa e cioè che, essendo fra le due la parte dominante e più forte, al 99% si ripeterà l'incubo della volta precedente, con lei che uccide Himeko e questo davvero non se lo può permettere. Quindi sfrutta a suo vantaggio la situazione ed in questo Chikane è molto, molto opportunista. Passa dalla parte dei cattivi, fingendosi una traditrice, per spingere Himeko ad odiarla. La violenta, la devasta, le fa intedere che è tornata a casa quando invece sta preparando l'affondo finale... e lo fa sempre con il sorriso sulle labbra perché sa di dover salvare il mondo, e vuole essere lei questa volta a morire. Atteggiamento egoista, a mio avviso - muoio per non soffrire di nuovo della tua morte - ma tanto azzeccato.

Intanto Himeko inizia a maturare la consapevolezza dei suoi sentimenti nei confronti di Chikane. Episodio chiave è per me quello in cui si ritrovano a casa come se niente fosse successo, la cenetta insieme, poi vanno a letto insieme... vita da coppia, e ad Himeko piace. Soprattutto, Himeko è stata devastata dalla privazione, dall'assenza di Chikane nei giorni precedenti, ne ha sofferto come mai prima di allora per qualcos'altro e quindi se si deve cercare uno spunto per capire da quando inizia a comprendere i suoi veri sentimenti, allora senza dubbio per me questo spunto è dato proprio dal dolore provato da Himeko per la privazione di Chikane. Devastante, davvero.

E poi si arriva alla danza di spada. La danza di spade è un canto d'amore, qualcosa di stupendo... Chikane è pronta a distruggere il mondo, pur di salvarlo. Lo getta nella devastazione quando lo colpisce con l'arco e tutto questo perché in Himeko sorga l'odio per la nuova Miko della Luna, che è tutto meno che la sua Chikane, e questo perché Himeko trovi la forza per ucciderla ed in tal modo salvare il mondo. E mentre Orochi si bea per quanto sta avvenendo, il piano di Chikane va in porto e Himeko la trafigge a morte. Non credo sia un caso che l'errore di distrazione definitivo avvenga quando Chikane recide il ciondolo a forma di conchiglia di Himeko. E' metafora di un legame che solo dopo essere stato reciso può essere ricostruito. E infatti poi si assiste alla confessione finale e all'accettazione di Himeko dei suoi stessi sentimenti. La "donna inutile", insomma, ha fatto il suo percorso di crescita che è più sottile e meno evidente rispetto a quello di Chikane, ma non per questo meno valido. Arrivano entrambe a quel punto, da strade differenti, ma solo per comprendere che non c'è modo per sottrarsi a ciò che sono: le due Miko del Sole e della Luna, che ruotano l'una intorno all'altra e sono destinate ad amarsi per sempre.

Il finale è straziante. Quando Himeko piange sulle foto che la ritraggono da sola, quelle stesse foto che invece erano state scattate con Chikane, il cui ricordo ora è stato cancellato dalla terra, giuro d'aver pianto come una scema anche io. Ma considerando il fatto che io piango su quasi tutti gli anime su cui metto le mani... :D questo non fa testo.

Insomma, KnM per me resta poesia. Basta pensare a tutto ciò che circonda Chikane e Himeko come contorno e concentrarsi su loro due... un po' come con Shizuru e Natsuki in Mai Hime, ed il gioco è fatto ù.ù


Miii quant'ho scritto °______°'''
« Ultima modifica: Marzo 14, 2007, 15:02:25 pm da Haruka »
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline Windter

  • ShizNat High Priestess
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1184
  • Hungry Like The Wolf
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #17 il: Marzo 14, 2007, 16:17:04 pm »
Ok, meglio se rispondo passo passo mentre leggo, altrimenti non ce la faccio a ricapitolare ahahah

Venendo alla storia, ben presto le due si ritrovano sullo stesso fronte comune per volere quasi del fato, ed iniziano le evocazioni di Ame no Murakumo che però non compare. Il motivo, come già accennato, è semplice: come può Chikane far sì che risucceda quanto accadde nella precedente battaglia contro Yamata no Orochi?

Occhio che però alla prima visione questo può non essere chiaro, eh? Il finale di KnM è parecchio rocambolesco dopotutto, non è semplice seguire il filo della storia.

Le visioni che Chikane ha dopo essere uscita dalla "chiesa" sono immagini della loro vita precedente, nella quale Chikane e Himeko erano ancora le sacerdotesse del Sole e della Luna. In pratica ogni volta che riappare Orochi loro, nella loro corrente incarnazione, si danno da fare per sconfiggerlo, e per fare questo non solo devono evocare Ame no Murakumo, ma anche terminare il rituale con l'una che uccide l'altra. La volta precedente è successo che Chikane uccidesse Himeko, e quelle immagini di lei con la katana insanguinata e la maschera non sono altro che i ricordi che le ritornano di quell'avvenimento. Da quel momento in poi, lei agisce con la precisa memoria di quel che è accaduto nella vita precedente, e dei relativi sensi di colpa per aver ucciso la Himeko di allora.




Citazione

(...) Secondo me, se in Chikane è radicato l'amore che prova per Himeko, ma nascosto il ricordo dell'uccisione che le impedisce di evocare Ame no Murakumo, anche in Himeko può esistere qualcosa del genere. Quindi sempre secondo me, anche Himeko è incosciamente innamorata di Chikane, ma appunto non ne è consapevole, sebbene sia evidente il modo in cui dipende da lei, in modo in cui nonostante tutto le è legata...


Personalmente non concordo. A mio parere Chikane e Himeko si innamorano semplicemente perché deve essere così. Non è una cosa inconscia, non è un ricordo: loro sono la Sacerdotessa del Sole e quella della Luna, si amerebbero sotto ogni forma ed in ogni tempo. Tra l'altro se non mi sbaglio qualcosa del genere era anche uscito dalle interviste agli autori tradotte nella versione americana del dvd, dopo magari ci butto un occhio ed eventualmente do conferma.


Citazione

Inoltre, man a mano che la consapevolezza si fa strada in lei, secondo me lei razionalizza anche un'altra cosa e cioè che, essendo fra le due la parte dominante e più forte, al 99% si ripeterà l'incubo della volta precedente, con lei che uccide Himeko e questo davvero non se lo può permettere. Quindi sfrutta a suo vantaggio la situazione ed in questo Chikane è molto, molto opportunista. Passa dalla parte dei cattivi, fingendosi una traditrice, per spingere Himeko ad odiarla. La violenta, la devasta, le fa intedere che è tornata a casa quando invece sta preparando l'affondo finale... e lo fa sempre con il sorriso sulle labbra perché sa di dover salvare il mondo, e vuole essere lei questa volta a morire. Atteggiamento egoista, a mio avviso - muoio per non soffrire di nuovo della tua morte - ma tanto azzeccato.

Anche qui mi trovo a dissentire. Chikane, a mio parere, non ha timore che si possa ripetere quanto accaduto, semplicemente si rende conto che l'uccidersi a vicenda è qualcosa di inevitabile, ed opta per l'unica via che possa far sì che il tutto avvenga in modo il meno doloroso possibile. Lei sa, lei ricorda quel che è successo. Di aver ucciso Himeko - attenzione! Ha ucciso la donna che ama! - del dolore provato nel vederla morire, e così via dicendo. Odia la sua condizione di Sacerdotessa, ma non può fare nulla per cambiarla; ed a mio parere non è affatto cattiveria, ma una coraggiosa valutazione della situazione quella che la spinge a comportarsi così come fa.

Sì, da quando finge di allearsi con Orochi in poi fa di tutto per contrastare Himeko. Per mostrarsi ai suoi occhi sporca, cattiva, malata. Sorride perché sa che il suo sorriso sembrerà ancora più cattivo quando si mostrerà il lato oscuro delle sue azioni; si mostra "normale" solo per poter shockare Himeko più avanti. Infierisce con violenza su di lei, sul suo spirito, cercando di mettersi nella peggior luce possibile davanti ai suoi occhi. Sembra completamente impazzita, malata, arriva a metterle le mani addosso e poi..? La minaccia di morte, le sussurra parole d'amore mentre la incalza con la spada, cercando fino all'ultimo di apparire ai suoi occhi come il male.

E lo fa perché Himeko non sa, non ricorda. Lo fa per potersi degradare ai suoi occhi, perché Himeko possa ucciderla a cuor leggero e così salvare il mondo, perché una di loro deve morire, e lei non può uccidere Himeko.

Non è una scelta egoistica, quella di essere lei la vittima, e di far fare a Himeko il carnefice. Nei suoi piani, la Sacerdotessa del Sole, non ricordando nulla di quel che è accaduto la volta precedente, si dovrebbe limitare a sfogare la sua rabbia, il suo dolore su di lei, uccidendola e ritornando ad una vita senza di lei - liberandosi del fardello della sua presenza malvagia, se nel frattempo Chikane è riuscita a comportarsi abbastanza male da cogliere l'obiettivo di farsi odiare da lei. Sopportando tutto il dolore di amare Himeko e vedersi odiata da lei, pur di salvarla dal male che la lacera dentro, la consapevolezza di aver ucciso chi amava.

Ma sono le due Sacerdotesse... in realtà, il suo è un piano destinato a fallire sin dall'inizio.


Citazione
E poi si arriva alla danza di spada. La danza di spade è un canto d'amore, qualcosa di stupendo... Chikane è pronta a distruggere il mondo, pur di salvarlo. Lo getta nella devastazione quando lo colpisce con l'arco e tutto questo perché in Himeko sorga l'odio per la nuova Miko della Luna, che è tutto meno che la sua Chikane, e questo perché Himeko trovi la forza per ucciderla ed in tal modo salvare il mondo.


Qui sono molto d'accordo, invece  ;D

Davvero fantastica, la danza di spade. A mio parere uno dei pezzi migliori in assoluto mai visti, anche perché è una grandissima dichiarazione d'amore velata da quest'aria malsana, passionale e violenta che le da volutamente Chikane... grandissimo pathos.


Citazione
mentre Orochi si bea per quanto sta avvenendo, il piano di Chikane va in porto e Himeko la trafigge a morte. Non credo sia un caso che l'errore di distrazione definitivo avvenga quando Chikane recide il ciondolo a forma di conchiglia di Himeko. E' metafora di un legame che solo dopo essere stato reciso può essere ricostruito. E infatti poi si assiste alla confessione finale e all'accettazione di Himeko dei suoi stessi sentimenti. La "donna inutile", insomma, ha fatto il suo percorso di crescita che è più sottile e meno evidente rispetto a quello di Chikane, ma non per questo meno valido. Arrivano entrambe a quel punto, da strade differenti, ma solo per comprendere che non c'è modo per sottrarsi a ciò che sono: le due Miko del Sole e della Luna, che ruotano l'una intorno all'altra e sono destinate ad amarsi per sempre.


In tutto questo, Orochi è un pirla ahahahaha  ;D


Citazione
Insomma, KnM per me resta poesia. Basta pensare a tutto ciò che circonda Chikane e Himeko come contorno e concentrarsi su loro due... un po' come con Shizuru e Natsuki in Mai Hime, ed il gioco è fatto ù.ù


Eeeeh, dovremmo parlare anche di questo, in realtà... quanto ci sarebbe da dire, neh?  :P
W I N D T E R - Il vento d'inverno



Offline Windter

  • ShizNat High Priestess
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1184
  • Hungry Like The Wolf
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #18 il: Marzo 14, 2007, 16:26:19 pm »
(...)
A questo punto mi è venuto da pensare che le visioni l'abbiano convinta del fatto che non solo lei non è in grado di proteggere Himeko come desidera, ma anche che lei sarà la causa di ulteriori sofferenze per la persona che ama e quindi cerca di allontanarla. Oppure che sia in qualche modo posseduta e non agisca di sua iniziativa (ma non mi pare molto plausibile visto che poi uccide tutti coloro che avrebbero potuto manovrarla, ma il suo atteggiamento non cambia).
Solo quando è lei stessa a spiegarlo arrivo a capire che, odiando Ame no Qualcosa, la sua presenza rendeva impossibile la sua evocazione e per liberarsi dal senso di colpa passa la nemico per essere uccisa.

C'è da dire che a me è parso che Chikane avesse le idee chiare sui suoi sentimenti sin dall'inizio, ma ora mi sta venendo il dubbio O_o aiuto.


Fondamentalmente ho spiegato un po' il tutto nel post precedente. In generale, a me sembra che Chikane sia innamorata di Himeko sin dal principio (si incontrano e scatta quella specie di vibrazione, di riconoscimento a prima vista, che poi porta Chikane - che non a caso è la Sacerdotessa della Luna, probabilmente è anche la più "sensibile" delle due - ad innamorarsi di lei), ma in una maniera più "umana" che "spirituale".

Non so spiegarmi alla perfezione. Inizialmente Chikane è innamorata di Himeko, ma priva dei ricordi di quel che è successo nella vita precedente. Tiene a lei, sa che non avrà mai una possibilità, quindi si limita a starle vicino e ad esserle amica... pur se consapevole dei suoi sentimenti, tenta di mettersi da parte per favorire la nascita dei sentimenti di Himeko, che fino al settimo episodio è "solo Himeko", solo "l'altra sacerdotessa", non "L'Altra Metà".

E' chiaro che tutto il meccanismo si spezza non appena si ricorda di quel che è successo, e Chikane si rende conto del legame che c'è, e c'è stato, fra loro due.

Insomma, in definitiva sì, non è capace di ucciderla perché l'ama troppo, e nello stesso momento, proprio perché l'ama così tanto, decide deliberatamente di tradire la sua fiducia, di ferirla il più possibile e di farle male, per darle così la forza di porre fine alla sua vita, contando sulla sua inconsapevolezza.
E caricandosi di tutto il dolore che una simile scelta può portare, visto che lei, intendo dire Chikane, al contrario di Himeko sa tutto.


La questione di Ame No Murakumo è un po' diversa: lo odiava inconsciamente, perché inconsciamente portava impresso il ricordo del precedente omicidio rituale. Ame no Murakumo - o meglio, la sua evocazione - non è altro che il principio del rituale che va chiuso con la morte di una delle due; è anche normale che, dopotutto, non riesca ad evocarlo.
W I N D T E R - Il vento d'inverno



Offline Umpta

  • Full Member
  • Sr. Member
  • ******
  • Post: 348
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #19 il: Marzo 14, 2007, 21:01:35 pm »
Quanto mi piace come scrivete :)

Penso proprio che la mia reazione iniziale descritta nel primo post fosse causata dal fatto di non aver avuto il tempo di "ragionare" tra un episodio e l'altro, metabolizzandolo.
Già da ora infatti, leggendo, riguardandolo, l'opinione si è pian piano evoluta. Non tanto incanalandosi in una sorta di "linea di pensiero" precisa riguardo all'anime intero ma almeno rispetto alle sensazioni trasmesse dalle due protagoniste.

Non sarebbe per me la prima volta in cui apprezzo maggiormente una storia osservandola da un punto di vista altrui. Sarà che ognuno filtra le immagini che vede, in ogni campo, conseguentemente l'interpretazione può risultare addirittura più ricca e godibile dell'opera originale. Questo è possibile apprezzarlo determinate volte, mentre altre volte è impossibile.. magari perchè l'immagine osservata trasmette qualcosa di troppo personale e profondo, che non si desidera osservare con luci diverse da quelle che si considerano "originali" (ma che del tutto originali non sono, essendo state filtrate in primo luogo da se stessi).

Citazione
Prima di tutto, c'è da considerare che lei non è solo innamorata di Himeko, ma soprattutto ama Himeko e queste sono due cose comunque diverse. Per amore si è pronti anche a sopportare di tutto, tant'è che Chikane subisce la situazione con Souma senza mai ostacolare la ragazza che ama e tutto questo per il suo bene. C'è qui una componente di altruismo che è tipica dell'Amore, quello con la A maiuscola.
Altruismo... mmmh. Oppure egoismo, seppure sofferto? L'amore non dichiarato per paura di spaventare l'altro e perderlo con il suo eventuale allontanamento, soprattutto quando l'altro parla apertamente di una terza persona.
Subire una situazione implica del dolore, quale tipo di personalità accetta il dolore senza la speranza di ricevere qualcos'altro? Anche qualcosa di impalpabile come la sola presenza fisica e reale della persona cara.
L'egoismo, assolutamente comprensibile, nel non essere del tutto sinceri per continuare a godere di qualcosa. Se alla persona che ami ti presenti come qualcosa che non sei, è un atteggiamento altruista o egoista?
Shizuru si sobbarca una quantità impressionante di sofferenza pur di poter godere ogni tanto della presenza di Natsuki, ma oscilla tra il detto e il non detto, le chiarisce di averla sempre nei suoi pensieri pur sapendo che lei non può capire il significato profondo delle sue parole (una persona emozionalmente normale l'avrebbe capito davanti a un'espressione così seria, ma..). Tuttavia non è completamente se stessa finchè non arriva alle estreme conseguenze. La Shizuru completa è quella che si vede dopo la sconfitta, affianco a una Natsuki che sa tutto dei suoi sentimenti. Almeno secondo me ;D

Citazione
pensare a Chikane come un personaggio buono sarebbe molto riduttivo. Inoltre, man a mano che la consapevolezza si fa strada in lei, secondo me lei razionalizza anche un'altra cosa e cioè che, essendo fra le due la parte dominante e più forte, al 99% si ripeterà l'incubo della volta precedente, con lei che uccide Himeko e questo davvero non se lo può permettere. Quindi sfrutta a suo vantaggio la situazione ed in questo Chikane è molto, molto opportunista.
Non può accettare di privarsi di Himeko, di farlo con le proprie mani. In più ha vivo il ricordo di come è stato, penso che non ne sarebbe stata proprio capace, non solo di non volerlo fare teoricamente. Sceglie la propria morte, quindi comunque la perdita di ciò che ama, ma l'altra continuerebbe a vivere ed esistere. Qui non vedo la minima traccia di egoismo.
Tra l'altro Chikane non prende nemmeno in considerazione l'idea di far soffrire Himeko con la stessa intensità, non sa che Himeko la ama e pensa di aver persino soffocato l'unico sentimento che legava la ragazza a lei, ossia l'amicizia. E' il male minore, dal suo punto di vista. Ma aveva fatto i conti senza l'oste ;D

Seriously, lesbians can smell exes and drama like sharks scent blood in the water. (.cit thrace_ )

Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #20 il: Marzo 14, 2007, 21:48:37 pm »
C'è da dire che sul discorso egoismo mi sono espressa male io :D

Ci riprovo. Secondo me è un discorso egoistico preferire la propria morte a quella altrui, un egoismo portato allo stremo, per difendere da tutto - compreso sé stessi - la persona che si ama. Secondo me, quando Chikane sceglie di agire nel modo in cui agisce sta cercando di tutelare la vita di Himeko, che vede come qualcosa di suo, quindi questo intendo come qualcosa di estremamente egoista.

Se invece lo si vede dal punto di vista di Himeko, è ovvio che il sacrificio di Chikane è estremamente altruista: sceglie, fra le tante, la strada che può causare meno dolore, pur sapendo che la morte delle due è ineluttabile...

Comunque discorso complicato ç_ç
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline Windter

  • ShizNat High Priestess
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1184
  • Hungry Like The Wolf
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #21 il: Marzo 15, 2007, 00:55:27 am »
C'è da dire che sul discorso egoismo mi sono espressa male io :D

Ci riprovo. Secondo me è un discorso egoistico preferire la propria morte a quella altrui, un egoismo portato allo stremo, per difendere da tutto - compreso sé stessi - la persona che si ama. Secondo me, quando Chikane sceglie di agire nel modo in cui agisce sta cercando di tutelare la vita di Himeko, che vede come qualcosa di suo, quindi questo intendo come qualcosa di estremamente egoista.

Se invece lo si vede dal punto di vista di Himeko, è ovvio che il sacrificio di Chikane è estremamente altruista: sceglie, fra le tante, la strada che può causare meno dolore, pur sapendo che la morte delle due è ineluttabile...

Comunque discorso complicato ç_ç

Visto? Te l'avevo detto che l'avevi spiegato male gnè gnè gnè =P

Tra l'altro, effettivamente l'"egoismo", quello forse lo si può effettivamente vedere nel suo non farsi davvero avanti mai con Himeko. Ma è egoismo oppure paura? Dopotutto, non so quanto il paragone con ShizNat possa reggere: per quanto Natsuki abbia un nutrito fan club, infatti, la sua indole per pressoché tutta la serie non le consente di avvicinare nessuno. Dopotutto, Shizuru è quasi in una botte di ferro.

Ma Chikane? Che si trova davanti una ragazza come tante, non ammirata da tutti ma bensì (non tanto, poi) segretamente ben più che ammirata da quello che - rullo di tamburi! - è il suo amico d'infanzia nonché eterno cavaliere, il perfetto Principe Souma? E soprattutto, una ragazza come tante che non ha alle spalle i traumi di Natsuki, e che quindi non ha nulla ad impedirle di amare qualcuno...?

*e fu così che la domanda rimase in sospeso per l'eternitàh...*
W I N D T E R - Il vento d'inverno



Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #22 il: Marzo 15, 2007, 15:03:28 pm »
Il paragone con ShizNat non l'ho capito  ;D
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline Umpta

  • Full Member
  • Sr. Member
  • ******
  • Post: 348
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #23 il: Marzo 16, 2007, 16:34:21 pm »
Non voleva essere un paragone tra Chikane+Himeko e Shizuru+Natsuki, piuttosto una sorta di diapositiva esplicativa (;D) per il discorso egoismo/altruismo riguardo al dichiararsi o meno amici/innamorati.

Seriously, lesbians can smell exes and drama like sharks scent blood in the water. (.cit thrace_ )

Offline Windter

  • ShizNat High Priestess
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1184
  • Hungry Like The Wolf
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #24 il: Marzo 16, 2007, 22:18:41 pm »
*fa pat pat sulla testolina di Haru*

E' colpa dei criceti pigri... ci mette un po', ma quando iniziano a lavorare dopo capisce  :P


Ecco, c'è da dire che l'unica cosa che mi dispiace di Kannazuki è che si sia rivelato solo un 12. Sarebbe stato interessante vedere più caratterizzati i "nemici", anche se è evidente che siano inseriti nella serie solo in funzione del creare in Chikane quella sensazione di inutilità destinata a scoppiare quando vede (in sella al famoso caprallo - questa è per Haru!) il bacio fra Himeko e Souma.

Più che altro avrei trovato interessante se li avessero resi più seri (soprattutto la Idol e il gatto, anche se è carinissimo con quella siringona *_*), seguendo il modello del fratello maggiore di Souma e di Sister, che dopotutto sono nemici già più rispettabili.
W I N D T E R - Il vento d'inverno



Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #25 il: Marzo 16, 2007, 22:43:04 pm »
Il caprallo  ;D

Sister spacca, e su questo non ammetto repliche. Che donna! Che donna! Molto Mika, da Kyoshiro, a pensarci bene...  ::)
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole

Offline Windter

  • ShizNat High Priestess
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1184
  • Hungry Like The Wolf
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #26 il: Marzo 16, 2007, 22:46:07 pm »
Il caprallo  ;D

Sister spacca, e su questo non ammetto repliche. Che donna! Che donna! Molto Mika, da Kyoshiro, a pensarci bene...  ::)

E infatti proprio da lei l'han presa =P

Ma Sojiro... OOoooOOohhh Sojirooooo! *O*
W I N D T E R - Il vento d'inverno



Offline 3peanuts

  • Despota 9 del JPOP
  • Hero Member
  • *
  • Post: 1938
  • Pyon! Pyon!
    • Mostra profilo
    • Blog
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #27 il: Marzo 19, 2007, 01:03:52 am »
L'ho adorato.

*AVVERTIMENTO: NON RIESCO A TENERE UN CECE IN BOCCA, QUINDI ATTENZIONE SE ODIATE GLI SPOILER*


A) era il primo anime yuri che vedevo dai tempi di Haruka e Michiru e Caro Fratello ed ero assetata come gli anacoreti nel deserto

B) era un regalo spedito dalla Nuova Zelanda da parte di chi sarebbe diventata di lì a poco la mia ragazza...e va be' lo so che non ve ne fr...importa niente

C) ho amato Chikane dal primo momento.

Posto che l'ho guardato SOLO per lo yuri, dal momento che se fosse una serie incentrata sul mecha sarebbe un po' scrausa (ammettiamolo), non posso non amarlo per l'aver raggiunto livelli di angst mai riscontrati prima, risolti in quel bacio finale che mi ha fatto piangere (piccola io!).

Personalmente, mi sono identificata in Chikane dal primo istante. Non so essere obiettiva su Chikane, mi ricorda troppo me. L'autofustigazione, il senso di sacrificio estremo, che rappresenta riassumono così bene i miei stati d'animo tra i 14 e i 19 anni da essere per me molto più significativi di semplici tratti di un personaggio ben riuscito.

Chikane e Himeko sono la summa dell' Eros e Thanatos.

Persino nella determinazione di Chikane nell'essere un Orochi, ci vedo tutta la metafora della discesa agli inferi di Euridice.

Fortunatamente, Himeko riesce a condurla di nuovo alla luce, nonostante il destino.

Poveri coloro i quali hanno una versione che si chiude con i titoli di coda!

Molti sono dell'avviso che sia un finale posticcio. Forse lo è, fatto sta che gli autori si sono dati briga di non chiudere l'anime con un addio e a me, dopo suicidi vari e impazzimenti, è bastato vederle tornare insieme.

E non dimentichiamo che KnM e Yamibou hanno fatto da apripista per una nuova lettura del genere yuri: opinabile, ma nuova.

Sempre mejo de Caro Fratello... che - bellissimo per carità - ma deprimente, signora mia! :D

 = 20.8.11 Tokyo International Forum, Hall C - Io c'ero =

"Majorana aveva quel che nessun altro al mondo ha. Sfortunatamente gli mancava quel che è invece comune trovare negli altri uomini: il semplice buon senso" - E. Fermi

http://3peanuts.livejournal.com/

Offline Windter

  • ShizNat High Priestess
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1184
  • Hungry Like The Wolf
    • Mostra profilo
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #28 il: Marzo 19, 2007, 02:23:59 am »
L'ho adorato.

*AVVERTIMENTO: NON RIESCO A TENERE UN CECE IN BOCCA, QUINDI ATTENZIONE SE ODIATE GLI SPOILER*


A) era il primo anime yuri che vedevo dai tempi di Haruka e Michiru e Caro Fratello ed ero assetata come gli anacoreti nel deserto

B) era un regalo spedito dalla Nuova Zelanda da parte di chi sarebbe diventata di lì a poco la mia ragazza...e va be' lo so che non ve ne fr...importa niente

C) ho amato Chikane dal primo momento.

Posto che l'ho guardato SOLO per lo yuri, dal momento che se fosse una serie incentrata sul mecha sarebbe un po' scrausa (ammettiamolo), non posso non amarlo per l'aver raggiunto livelli di angst mai riscontrati prima, risolti in quel bacio finale che mi ha fatto piangere (piccola io!).

Personalmente, mi sono identificata in Chikane dal primo istante. Non so essere obiettiva su Chikane, mi ricorda troppo me. L'autofustigazione, il senso di sacrificio estremo, che rappresenta riassumono così bene i miei stati d'animo tra i 14 e i 19 anni da essere per me molto più significativi di semplici tratti di un personaggio ben riuscito.

Chikane e Himeko sono la summa dell' Eros e Thanatos.

Persino nella determinazione di Chikane nell'essere un Orochi, ci vedo tutta la metafora della discesa agli inferi di Euridice.

Fortunatamente, Himeko riesce a condurla di nuovo alla luce, nonostante il destino.

Poveri coloro i quali hanno una versione che si chiude con i titoli di coda!

Molti sono dell'avviso che sia un finale posticcio. Forse lo è, fatto sta che gli autori si sono dati briga di non chiudere l'anime con un addio e a me, dopo suicidi vari e impazzimenti, è bastato vederle tornare insieme.

E non dimentichiamo che KnM e Yamibou hanno fatto da apripista per una nuova lettura del genere yuri: opinabile, ma nuova.

Sempre mejo de Caro Fratello... che - bellissimo per carità - ma deprimente, signora mia! :D

Ma che considerazioni interessanti!

Magari mi addentro più tardi o in un altro momento riguardo il discorso Chikane=Euridice, oppure Eros e Thanathos. Però non appena ho un attimo, dato che ora sono piuttosto di passaggio, è la volta che ripesco sul serio il libretto con le interviste agli autori e ne copio qualche passo.

Senza dubbio quel che c'è da dire è che i mecha sono per KnM quel che lo sfondo da charlie's angels è per Debs: un pretesto per mettere in moto la storia, e una carambola di eventi posti solo per dare una consistenza anche a quel che c'è intorno alla coppia protagonista, in maniera da creare anche un mondo con il quale interagire, e non concentrare tutte le luci solo su di loro due.

Insomma, i mecha sono un di più, avrebbero potuto essere benissimo nemici x dotati di qualsiasi altro genere di arma. Probabilmente li hanno messi per catturare anche il pubblico maschile, simulando uno shounen fino circa all'ottava puntata (più di metà serie!).

Tornando al finale, comunque, vado a memoria. Avevo letto che hanno deciso di tenerlo volutamente aperto (come spesso e volentieri fanno, c'è da dire) senza aggiungere nessun dettaglio a quell'abbraccio in mezzo all'incrocio per far sì che ogni fan potesse farsi la sua idea riguardo il proseguimento della storia. Quando, dove, chi, in che maniera, in quale vita... Proprio per questo motivo non credo proprio faranno mai un seguito. E diciamocelo: forse è meglio così.
W I N D T E R - Il vento d'inverno



Offline Haruka

  • Yuri vibes metal detector! òo
  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3960
  • THIS is the Freedom to be YURIself!
    • Mostra profilo
    • ShoujoaItalia
Re: Kannazuki no Miko
« Risposta #29 il: Marzo 19, 2007, 02:38:32 am »
Proprio per questo motivo non credo proprio faranno mai un seguito. E diciamocelo: forse è meglio così.

Considerando lo scempio Kyoshiro, è dannatamente meglio così! Gli Dèi ce ne scampino! Io sono molto pessimista in proposito e se ne parlava con Wind non più tardi di qualche giorno fa: per me gli autori con KnM hanno fatto un vero e proprio miracolo, senza sapere di averlo fatto :P Poi si son ritrovati la bomba per le mani ed era troppo tardi ;D!

Venendo a Yami, oddio, diciamo che io avrei preferito il lieto fine - sono romantica io - e certo anche se ha fatto la storia, essendo stato uno dei lavori della triade magica del 2004 (con KnM e Marimite), fra i tre è quello che amo di meno. Al di là di questo, di Yami adoro alla follia Hazuki, questo sì. E la Noto che la doppia divinamente, ma è risaputo che io son pazza della Dea... a proposito, devo buttar giù qualcosa su di lei, sul blog... continuo a rimandare sgrunt! Tempo tiranno ç_ç
« Ultima modifica: Marzo 19, 2007, 02:41:48 am da Haruka »
"Se metti un muro dentro il tuo cuore, gli spiriti malvagi useranno quel muro per crearsi un nido..."
"Anything that's worth having, is sure enough worth fighting for." - C. Cole